Barefood in Rome

Cioccolato dolce senza zuccheri grazie alla radice di cicoria

Natruly apre le porte al consumo illimitato ideando una nuova linea senza zucchero eppure dolce. Il segreto? La radice di cicoria che ha dimostrato anche di poter eliminare i dolcificanti. Un prodotto che non solo non fa male, ma anzi fa bene. È una rivoluzione: il cioccolato di Natruly “sorride” e puoi mangiarne quanto ne vuoi.

 Natruly
Natruly Cioccolato

Cioccolato: da “prodotto che non fa male” a “prodotto che fa bene”

Questa la filosofia di Natruly, start up spagnola sbarcata in Italia da circa un mese portando con sé la prima linea di cioccolato naturalmente dolce grazie alla radice di cicoria. Questa comprende: la crema di nocciole e cacao, 4 tipi di tavolette di cioccolato Chocolicius, fondente, al latte, con arancia e zenzero, con lamponi e fave di cacao, 2 varietà di arachidi ricoperte di cioccolato, al fondente e al latte. Con un alto contenuto di fibre, la radice di cicoria consente di eliminare i dolcificanti e ha molti effetti benefici. Aiuta infatti il rilassamento e il sonno, favorisce la digestione e il rinnovamento della flora intestinale, abbassa la glicemia, aumenta la sazietà e aiuta perdita di peso. Le abbuffate natalizie di cioccolata sono al sicuro!

L’attrazione per i sapori dolci è ancestrale

Per molti diventa un conforto psicologico. Ma il consumo eccessivo di zuccheri è nocivo. E’ correlato all’insorgenza di carie dentale, obesità, diabete e malattie cardiovascolari. A sostenerlo sono le “Linee Guida per una sana alimentazione” del Ministero della Salute, curate dal Centro di Ricerca Alimenti e Nutrizione. Partendo da questa consapevolezza Natruly ha scelto di fare la differenza ideando nuovi prodotti salutari, compreso il cioccolato.

Come si è arrivati alla radice di cicoria?

È stata una scoperta fortunata e vincente, che l’azienda ha fatto propria dopo oltre 3 anni di ricerche. «Siamo partiti dallo sviluppo della crema spalmabile a base di cioccolato e per il 43% di nocciole: l’abbiamo addolcita con lo zucchero aggiunto più sano, quello di cocco, che ha un basso indice glicemico, e una piccola quantità di zucchero, intorno al 10% – 15%, invece del 50% o 60% che si trova nella maggior parte di prodotti analoghi. Siamo arrivati a un buon risultato – spiega Niklas Gustafson, fondatore di Natruly insieme Octavio Laguía -. Ma ci siamo scontrati con un problema inaspettato: le alte temperature separano l’olio di nocciola dal cacao. Abbiamo quindi ritirato le creme che stavamo lanciando e siamo tornati in laboratorio per cercare nuove strade. Nelle nostre ricerche per risolvere il problema abbiamo incontrato la radice di cicoria. Ci è voluto del tempo per ottenere la formula giusta, ma fin dall’inizio abbiamo capito che questa era una rivoluzione: oltre a funzionare per amalgamare gli ingredienti, la radice di cicoria ci ha consentito di eliminare i dolcificanti».

Oggi quello di Natruly è il cioccolato più sano sul mercato

Consistenza e sapore sono perfetti e non c’è traccia di zucchero. Perché allora l’uso della radice di cicoria non è diffuso? «Non è facile trovare la ricetta giusta per usarla, – risponde Laguía -. Non è uno zucchero o un dolcificante, non interagisce allo stesso modo con gli altri ingredienti. Noi abbiamo affrontato un percorso di tentativi, segnato da numerosi fallimenti, prima di arrivare alla soluzione. È anche più costosa di altre alternative. Soprattutto, per fare questa scelta occorre essere spinti dalla reale volontà di creare prodotti davvero sani».

L’inserimento di questi prodotti nella propria alimentazione contribuisce a tenere sotto controllo il consumo giornaliero di zucchero, battendo le raccomandazioni dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) che consiglia di restare sotto il 5%, circa 25 g, di zuccheri liberi cioè quelli aggiunti agli alimenti e alle bevande e di solito presenti nei prodotti confezionati. Una percentuale che secondo Natruly è eccessiva e contro la quale si batte. Inoltre, se è vero che la prevenzione di patologie legate all’assunzione di zucchero parte dalla corretta educazione alimentare, l’OMS propone anche ai singoli Paesi di lavorare sulla trasparenza delle etichette dei prodotti contenenti zucchero. Una regola non obbligatoria per legge, che Natruly ha fatto propria scegliendo un linguaggio onesto e trasprente per le proprie etichette.

Faccio cose, vedo gente, magno pasta. Romana de Roma e una passione smisurata per la pastasciutta! Scopro per voi i migliori ristoranti, osterie e cocktail bar di Roma per raccontarvele sul blog e sulla mia pagina Instagram, di cui sono una scrollatrice seriale! Sul mio blog troverete anche i locali migliori per l'aperitivo, la colazione e tante news su eventi del mondo del food! BENVENUTI SU BAREFOODINROME!

Post a Comment

You don't have permission to register